#ComingOutDay

43677198_2347123565316263_1040419530687381504_n.jpg

Oggi celebro il #ComingOutDay con una riflessione dal mio punto di vista, di professionista che eroga un servizio alla comunità in cui vive. Ecco cosa penso:

  • penso che essere se stessi e se stesse nei contesti sanitari non sia sempre facile, anzi; troppo spesso è una strada sbarrata, impraticabile;
  • penso che invece di mettere in capo alla persona la scelta di dichiarare il suo orientamento sessuale o la sua identità di genere, dovremmo essere noi professioniste e professionisti (della salute!) a pensare, prevedere, includere e nominare le sfaccettature di identità di genere, ruolo di genere e orientamento sessuale;
  • penso che se facciamo prima tutto questo, allora poi un coming-out non sarebbe un “dichiararsi”, “venire fuori”, né sarebbe sentito come necessario per essere visto/a, come a dire “guarda che esisto anche io”;
  • penso che se facciamo prima tutto questo, allora poi un coming-out sarebbe solo un “raccontarsi”, come a dire “tu mi vedi e io mi sento previsto, accettato/a”.

 

Immagine: Facebook, Avvocatura per i Diritti LGBTI – Rete Lenford
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...