Rosaconfetto

Anemoni, peonie, prati verdi. Scarpette rosa, fiocchetti rosa, colletti rosa.

Rosaconfetto è un libro.

Un libro per bambini.

Un libro per bambini e per bambine.

Rosaconfetto è la storia di una tribù di elefanti. In questa tribù gli elefantini sono grigi, crescono giocando nei prati verdi e nell’acqua; le elefantine sono rosa, crescono mangiando anemoni e peonie in un recinto. Pasqualina è un’elefantina, ma per quanto si impegni a mangiare anemoni e peonie, il colore rosa proprio non si fa vedere. Così i genitori, persa la speranza di vederla rosa e bella come si addice alle elefantine, la lasciano libera di uscire dal recinto.

RosaconfettoLa prima volta che incontrai questo titolo, immaginai che Rosaconfetto fosse un nome; rimasi colpita da come suonasse bene, così tuttoattaccato e da quanto sembrasse provocatorio, così tuttoattaccato.

In biblioteca trovai ragione della mia intuizione, ma scoprii con disappunto che mi sbagliavo sul nome: rosaconfetto è un colore, il colore di Pasqualina e di tutte le elefantine, che crescono in un recinto. Lo sfogliai con l’entusiasmo infantile che suscitano i libri illustrati, soprattutto quelli di grande formato, con grandi disegni che superano il confine della pagina e ingrandiscono i dettagli.

Rosaconfetto è una storia semplice: cresce con le domande semplici di Pasqualina, che fa le stesse domande semplici dei bambini e delle bambine. E’ una storia di libertà e di uguaglianza, che ci rivela come tutti gli elefanti sono diventati grigi, maschi e femmine.

Una storia che invita l’adulto che legge a chiedersi quali sono i recinti e le scarpette rosa che mette intorno e addosso alle bambine, quali i prati verdi che preclude loro, quali le etichette “da maschio” “da femmina” che attacca alle vite dei piccoli. Rosaconfetto ci invita tutti, genitori e non genitori, a superare le differenze maschio-femmina, a indossare lenti nuove per scardinare gli stereotipi, cambiare le abitudini, crescere i piccoli semplicemente come persone, misurandole “secondo il metro della migliore versione di sé” (Chimamanda Ngozi Adichie).

Quali sono le scarpette rosa che non mettete più alle bambine?


PER APPROFONDIRE:

ADELA TURIN, NELLA BOSNIA, Rosaconfetto, Giunti editore Firenze, 1999 (Prima edizione: dalla parte delle bambine, 1975) – disponibile anche in biblioteca a CrespinaCascinaPisa SMSPontedera – Giovanni Gronchi.

Chimamanda Ngozi Adichie – wikipediawww.chimamanda.com.

CHIMAMANDA NGOZI ADICHIE, Cara Ijeawele ovvero quindici consigli per crescere una bambina femminista, Torino Einaudi 2017.

Leggere senza stereotipi – SCOSSE.

L’autrice di Rosaconfetto, Adela Turin, tra le fondatrici della casa editrice dalla parte delle bambine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...